Eolico

I sistemi eolici sfruttano l’energia cinetica del vento per trasformarla in energia motrice che può essere sfruttata direttamente (come nel caso dei tradizionali mulini a vento oppure per il pompaggio dell’acqua o ancora per applicazioni industriali) oppure essere a sua volta convertita in energia elettrica attraverso un aerogeneratore. Il funzionamento di un aerogeneratore (o generatore eolico o turbina eolica) è legato alla presenza di masse d’aria in movimento con una velocità superiore ai 10 chilometri orari che fanno girare le pale di un elica; queste sono collegate ad un generatore che trasforma l’energia meccanica in energia elettrica. Le pale del generatore eolico sono fissate su un elemento meccanico chiamato mozzo, assieme al quale vanno a formare l’elemento dell’aerogeneratore chiamato rotore. A seconda della posizione dell’asse attorno a cui ruota questo meccanismo, si distinguono rotori ad asse orizzontale e rotori ad asse verticale. La combinazione delle due tecnologie, di sviluppo più recente, ha dato vita ai cosiddetti rotori ibridi. Nei sistemi ad DVVH YHUWLFDOH il rotore gira con un asse perpendicolare alla direzione del vento, mentre le pale si muovono nella stessa direzione. Hanno il notevole vantaggio di non doversi orientare secondo la direzione del vento. La ridotta quantità di parti mobili presenti nella struttura conferisce inoltre a tali aerogeneratori un’alta resistenza alle forti raffiche di vento e a condizioni di elevata turbolenza. Il rendimento dei sistemi ad asse verticale inferiore a quello proprio dei rotori ad asse orizzontale ne ha limitato l’impiego; le migliorie apportate negli ultimi tempi li hanno però resi più competitivi fino ad arrivare allo sviluppo di alcuni prototipi che, funzionando per un numero maggiore di ore all’anno rispetto alle turbine ad asse orizzontale, forniscono un rendimento complessivo maggiore.

impianto-eolico-tecnoelettricalombardi-brescia